fbpx

Respirazione diaframmatica o addominale

La pratica di Yoga inizia con la respirazione. E nel respiro che sta la chiave della vita. Di fatto non c’è vita senza respirazione. Si può sopravvivere senza mangiare, anche senza bere acqua ma non senza respirare. E’ la funzione più basilare ma quella più determinante per le altre funzioni vitali e secondo la qualità del nostro respiro che dipende la qualità della nostra vita.

Il primo obiettivo nella pratica di yoga è recuperare la respirazione naturale, armoniosa, fluida ininterrotta e libera che spesso viene compromessa per tensioni fisiche accumulate, emozioni negative, e il poco controllo che abbiamo sui nostri pensieri.

L’idea è quella di lasciare che il respiro torni a fluire normalmente senza forzature. Come quello dei bambini.

 Il nostro corpo ed i nostri polmoni sanno respirare correttamente ecco perché il primo passo da eseguire è l’osservazione del nostro respiro. Come spettatori passivamente osserviamo il nostro flusso respiratorio e ci accorgiamo così facendo che il suo impulso si origina proprio nella zona del nostro ombelico. Il nostro centro, il nucleo della nostra respirazione.

PRATICHIAMO!

  1. Siediti comodamente o sdraiati.  La posizione deve essere rilassata e comoda da sostenere. Chiudi gli occhi e inizia a respirare dalle narici. Puoi appoggiare una mano sull’addome.
  2. Osserva dove nasce la tua respirazione. Concentrati sull’ombelico.
  3. Lasciando che la respirazione si manifesti liberamente. Noteremo come con l’inspirazione l’addome si espande leggermente verso fuori e si contrae tornando indietro quando togliamo l’aria. Questo è l’effetto del diaframma che con l’inspirazione si abbassa massaggiando gli organi addominali, con l’espirazione invece si rilassa e si solleva verso la cavità toracica.
  4. Il torace in questa respirazione deve rimanere immobile. E’ una respirazione addominale!
  5. Se non senti il movimento dell’addome aiutati ma non forzare eccessivamente!
  6. Inizia praticando la respirazione per 3/5 minuti ogni giorno. Quando diventerà totalmente naturale e spontanea prova ad allungare sia l’inspirazione che l’espirazione controllando che entrambe abbiano la stessa lunghezza.

BENEFICI:

  1. Ventila la base dei polmoni che normalmente per effetto di una respirazione errata resta pieno di aria viziata
  2. Utilizziamo molta più capacità polmonare
  3. Massaggia le viscere addominali, stimolandone un corretto funzionamento
  4. Distende il plesso solare (tre dita sopra l’ombelico) dissolvendo le tensioni e l’ansia causati per l’accumulazione in quella zona di tensioni fisiche ma soprattutto emotive
  5. Armonizza le funzioni di tutto il corpo ed ha un effetto sulla nostra mente dandoci benessere, calma, relax, serenità, equilibrio e vitalità.

Se sei al principio fermati durante la giornata a osservare il tuo respiro, la sua dinamica, la sua qualità e cerca la respirazione naturale addominale questa coscienza quotidiana farà di questa respirazione la tua respirazione naturale!

Namaste!

Giorgia

You might also enjoy