fbpx

L’ayurveda e l’inverno. Pratici consigli per superare il Winter Blues

 

Saranno le minori ore di luce e la carenza di Vit D, il
freddo, le proiezioni future, i resoconti passati, un insieme di cose che in Inverno possono renderci tristi, letargici e a volte in ansia.

Non è un caso che si parli di Winter Blues o di depressione
invernale, in cui possono predominare stati di apatia, immobilità, di preoccupazione, tristezza e malinconia. Se in parte queste emozioni possono essere naturali e proprie di questa stagione, dall’altra il protrarsi di questi stati possono portarci a vivere in un mood costantemente negativo e innescare meccanismi pessimistici e controproducenti.

Per l’Ayurveda la stagione invernale è quella di  Kapha in cui predomina l’elemento acqua e viene da sé che questo senso di stagnazione sia comprensibile e diffuso.

Se in disequilibrio possiamo sentirci pesanti fisicamente, con le difese immunitarie basse e raffreddarci con facilità, e mentalmente con quelle emozioni di sopra, un senso di malinconia, di
attaccamento e di preoccupazione per il futuro.

Se fosse così è giunto il momento di rialzarsi, di
riscaldarci, di energizzarci e di farci tornare il buon umore.

Secondo l’Ayurveda, la routine stagionale è di vitale
importanza, quindi per ogni momento dell’anno esiste uno stile di vita più adeguato di un altro.

L’ Ayurveda ci dice come alimentarci, che attività fisica
fare, che meditazioni, che colori e oli usare, insomma ci dà il pacchetto self-care di cui abbiamo bisogno per non lasciarci cadere in disequilibrio, mese per mese, giorno per giorno. 

Vediamoli uno per uno 

Alimentazione anti-Winter Blues

Adesso è importante non alimentare le qualità tipiche del
dosha che predomina. Quindi bisogna ricercare  cibo leggero,
riscaldante, poco grasso, poco dolce, ma anche poco salato, piuttosto attivante e decongestionante.

In concreto sarebbe ideale:

  • ridurre i carboidrati semplici: lo zucchero in primis, poi tutto ciò che è prodotto con farine bianche e raffinate, dolci, biscotti, pani bianchi e altri prodotti da forno industriali. Se vuoi dolcificare usa il miele, il malto di riso o dolcificanti come l’eritritolo
  • contenere anche latte e derivati, soprattutto formaggi grassi perché questi aumentano la produzione di mucosa interna aumentando il rischio di raffreddori e di congestioni. Piuttosto prova con le bevande vegetali alternative come il latte di soia o di avena.
  • limita caffè e alchol
  • evita l’eccesso di sale, sia nella sua forma pura che in alimenti che per natura ne contengono molto come i formaggi stagionati, gli affettati e i prodotti da forno
  • anche la carne e le proteine animali come le uova potrebbero aggravare kapha, quindi cerca di contenere la carne rossa, preferisci carne magra bianca meglio se grass fed, pesce bianco,
    se mangi un uovo al giorno prova a limitarne il consumo alternando con più proteine nobili, cioè i legumi che sono altamente benefici per kapha
  • se in autunno il mio motto è “go fat” abbondare di grassi sani per contrastare la secchezza interna ed esterna, adesso invece sono più importati altre qualità del cibo. Quindi anche l’eccesso di frutta secca e di grassi come l’avocado o altri grassi buoni sono da tenere sott’occhio!

Prova a prediligere, aumentandone il consumo:

  •  verdura di stagione, a foglia verde e dal sapore amaro ancora meglio. Abbonda di cavoli, cavolfiori, broccoli, cicoria, spinaci, carciofi, asparagi, sempre meglio se cotta, perché anche il metodo di cottura influenza le qualità del cibo. E adesso abbiamo bisogno di calore
  • tutti i legumi che hanno un sapore astringente per natura ideale per riequilibrarci in questo momento
  • tutti i grani, sia cereali integrali che pseudocereali che non sono dei veri e propri cereali ma piuttosto dei semi e naturalmente privi di glutine: quinoa, miglio e grano saraceno
  • spezie:  Sono indicatissime per ridare vitalità alla nostra capacità digestiva, aiutarci ad eliminare tossine ed aumentare il metabolismo e riscaldarci. Inizia con curcuma, coriandolo, zenzero, cannella e noce moscata.
  • bevi il giusto d’ acqua, è molto probabile che il tuo corpo stia ritenendo liquidi in questo periodo quindi non è necessario esagerare per rispettare il quantitativo massimo comunemente diffuso. Anzi, anche in questo caso vale molto la tua bio-individualità. Il tuo corpo sa di quanti liquidi ha bisogno, tu prova ad aiutarlo assumendo principalmente bevande calde come tè, infusi e tisane.
  • tra le tisane che puoi facilmente preparare in casa e che sono un toccasana adesso, prova zenzero, limone con un pizzico di pepe nero ed una punta di miele.
  • prova le Erbe Adattogene, in questo periodo più che mai il nostro corpo, e la nostra mente possono essere particolarmente soggetti a stress. L’ayurveda le considera dei Rasayana, cioè elixir di lunga vita, e tra questi si raccomanda il Tulsi e l’Ashwaganda. La mia enorme passione per questi rimedi mi ha portato a creare dei prodotti a base di queste potenti erbe, scoprili qui https://www.ayunatural.it/

 

In generale è fondamentale mangiare leggero. Cerchiamo di tenerci sui 2 3 pasti al giorno, sperimentando anche un digiuno intermittente e perché no un giorno di semi-digiuno con soli liquidi. Non abbondiamo con le quantità.

Prova a non mangiare troppo presto al mattino, tra le 9:00 e le 14:00 colazione e pranzo e la sera l’ideale sarebbe entro il calare del sole, ma sapendo quanto questo sia difficile prova a non superare le 20:00 mantenendoti leggera.

Un menu giornaliero ideale?

Al mattino uno smoothie con latte vegetale, mela, spinaci e spezie ed una proteina in polvere come la Spirulina oppure
Un porridge di quinoa con cannella, mela e semi di zucca, o un chia pudding con latte di soia, miele e frutti rossi

Pranzo e cena: minestre, passati, minestroni, dhal e zuppe di legumi sono i piatti prediletti. E non dimenticare le spezie

Lifestyle anti-Winter Blues  

 

Oltre alla dieta è importante adesso tenersi attive e stimolate.  Il movimento mentale e fisico, la ricercare di vigore insieme alla leggerezza contrasta l’apatia e la stagnazione

  •        Fate lunghe passeggiate nel verde, se c’è un po’ di sole uscite per prenderne. Fate pausa caffè o pranzo all’aperto in un parco
  •        Fate attività fisica di media-alta intensità, cardio che faccia sudare ed eliminare tossine
  •       Praticate Yoga. Gli asanas, le posture preferibili
    sono quelle più intense di apertura di cuore e petto e invertite per alleggerire il cuore e la mente.
  •         Provate Pranayama attivanti come Bhastrika o con
    ritenzione a polmoni pieni o il Surya Pranayama
  •        Provate qualunque attività che vi aiuti a liberarvi dall’attaccamento, fate decluttering ad esempio di spazi e di vestiti, regalate libri, cambiate disposizione dei mobili
  •          Ascoltate musica che vi dia allegria e vi faccia ballare e ballate, muovete il corpo così come vi chiede di fare 
  •        Sia che meditiate o che no, provate la meditazione camminata. Il maestro THICH NHAT HANH “Come possiamo godere dei nostri passi se la nostra attenzione è rivolta a tutto quel chiacchiericcio mentale? È importante diventare consapevoli di cosa sentiamo, non solo di cosa pensiamo. Quando tocchiamo il terreno con il piede dovremmo riuscire a sentire il piede che entra in contatto con esso. Quando lo facciamo possiamo provare un’enorme gioia nel semplice fatto di poter camminare.”
  •         Abbraccia le tue emozioni: riconoscile senza
    giudicarle e/o respingerle, vanno bene di qualunque natura esse siano, sappi che sono passeggere
  •         Auto massaggiati perché oltre a essere un meraviglioso atto di amore verso di te, aiuta il sistema linfatico e drena. Prova
    con olio di sesamo misto ad oli essenziali come cannella e chiodi di garofano
  •          Cerca socialità e compagnia che ti alleggerisca
    che ti faccia sorridere che ti stimoli in attività arricchenti e leggere

Con affetto!

Giorgia

You might also enjoy